a cielo Aperto #7 – al via il settimo ciclo di incontri musicali nel giardino di Villa Pacchiani – 13, 20, e 27 luglio 2017

brochure-a-cielo-aperto-2017deflegg

Arrivato quest’anno alla settima edizione, si rinnova il ciclo di incontri musicali che si inseriscono nella programmazione di Villa Pacchiani: quest’anno il giardino della villa è lo scenario di tre appuntamenti musicali che si terranno il 13, 20, e 27 luglio.

 

a cielo Aperto è un’iniziativa del Comune di Santa Croce sull’Arno. Assessorato alle Politiche ed Istituzioni Culturali  con il sostegno di Cassa di Risparmio di San Miniato

a cielo Aperto è una rassegna di musica eseguita con strumenti diversi e che spazia in un percorso ideale che va dalla musica barocca alle produzioni internazionali. Quest’anno i tre appuntamenti costituiscono un ideale percorso sugli strumenti ad arco, suonati a solo, in gruppo di quattro, in ensemble.

Si parte il 13 luglio con Duccio Ceccanti, violino, Clarice Curradi, violino, Augusto Gasbarri, violoncello, Marco Martelli, contrabbasso per il concerto Rossini sull’Arno, le Sonate a quattro scritte da un giovanissimo Gioachino Rossini. Il compositore, allora dodicenne, fu ospite nel 1804, nella tenuta di Conventello di Ravenna di proprietà della famiglia Triossi. Il giovane Agostino, contrabbassista dilettante, lo invitò a scrivere musica per sé e per i cugini Luigi e Giovanni Morini che suonavano, sempre in modo dilettantesco, violino e violoncello. In questo clima festivo, scritte da un autore ancora bambino per amici appassionati furono scritte in soli tre giorni le Sonate che circolarono più tardi, quando nel 1825 furono pubblicate da Giovanni Ricordi per quartetto d’archi tradizionale. Quattro musicisti, abituati ad esibirsi sotto la guida di prestigiose bacchette nelle orchestre Italiane che rappresentano l’eccellenza nel mondo, coltivano e realizzano abitualmente il desiderio di suonare insieme in quartetto. Si conoscono sin da giovanissimi nell’ambiente culturale fiesolano e oggi, da professionisti, condividono la propria pluriennale esperienza musicale.

Il 20 luglio è la volta dal violoncello solo: Marco Severi, per ventinove anni primo violoncello solista dell’orchestra del maggio musicale Fiorentino, si dedica dal 1995 alla direzione d’orchestra, dirigendo opere e concerti; aprirà la prossima stagione lirica del teatro Goldoni di Livorno con un concerto sinfonico con celebri ouverture d’opera italiane e due recite dell’opera Nabucco. Severi eseguirà le “Suite” n. 1 e 3 di Johann Sebastian Bach per il concerto dal titolo Viaggio nelle danze dell’anima. Bach scrive le sei Suite per violoncello solo fra il 1717 e il 1723 operando un cambiamento rivoluzionario, innalzando il violoncello dal ruolo di accompagnatore al rango di solista con partiture di grande profondità e vastità, miracolose per virtuosismi e capacità espressive.

 

Il 27 luglio Marco Severi dirige l’Ensemble Harmony composto da strumenti ad arco – violini, viola, violoncello, contrabbasso – per un Viaggio nell’Europa musicale. Tre gli autori: J. S. Bach, A. Vivaldi, W. A. Mozart. Di Bach verrà eseguita l’”Aria sulla quarta corda”, movimento lento che fa parte della “Suite” n. 3 per orchestra, di Vivaldi il “Concerto per archi”, tipico del compositore per  energia, sentimento, solarità, di Mozart la celebre “Serenata notturna”, composta per allietare le serate dei nobili, mirabile esempio di equilibrio di musica facile da ascoltare e nello stesso tempo profonda e complessa.

 

Il concerto del 20 luglio è preceduto - ore 19.00 Villa Pacchiani Centro Espositivo - dalla presentazione del catalogo della mostra Segni per far fiorire vasi in corso fino al 30 luglio. Intervengono: Giulia Deidda Sindaco del Comune di Santa Croce sull’Arno, Mariangela Bucci Assessore alle Politiche ed Istituzioni culturali del Comune di Santa Croce sull’Arno, Ilaria Mariotti Direttore di Villa Pacchiani, le artiste Elena El Asmar e Concetta Modica, Michela Eremita storica e critica d’arte.

Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito con inizio alle 21.15.

In caso di pioggia i concerti si terranno all’interno della Villa

 

I protagonisti del primo appuntamento musicale

Augusto Gasbarri nasce a Chieti nel 1984. Ha studiato violoncello al Conservatorio “D’Annunzio” di Pescara, sotto la guida di Massimo Magri, dove si è diplomato col massimo dei voti. Dal 2002 al 2004 ha frequentato il corso di formazione orchestrale presso la Scuola di Musica di Fiesole (OGI) sotto la guida di Piero Farulli, Boris Baraz, Manuel Zigante, Andrea Nannoni; i Corsi dell’Accademia Europea del Quartetto con Hatto Beyerle, Stefan Metz, Peter Cropper, Johannes Meissl, Erich Höbarth, Anner Bylsma. Ha seguito le masterclasses di Enrico Dindo presso l’Accademia Musicale Pescarese, di Giovanni Gnocchi e Stefano Cerrato all’Accademia Pianistica di Imola “Incontri col Maestro” e il master postgraduate presso la Universität Mozarteum Salzburg con Enrico Bronzi. Ha collaborato con l’Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado, con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, i Solisti Aquilani, la Camerata Salzburg e l’Orchestra del Teatro Regio di Torino. Dal dicembre 2013 entra a far parte della formazione toscana nel ruolo di prima parte, vincendo il concorso per primo violoncello indetto dalla Fondazione ORT. Nel 2014 con la violinista Clarice Curradi e la pianista Irene Novi fonda il Trio Vox. Svolge inoltre intensa attività concertistica e di ricerca storica con l’Ensemble Alraune, con il quale ha recentemente inciso l’integrale dei quartetti concertanti op.21 di Giuseppe Cambini per l’etichetta Novantiqua Records.

Clarice Curradi inizia lo studio del violino alla Scuola di Musica di Fiesole all’età di sette anni. Si diploma nel 2008 col massimo dei voti all’Istituto Superiore di studi musicali “Luigi Boccherini” di Lucca con il M° Alberto Bologni. Tra il 2009 e il 2012 studia con il M° Felice Cusano e con la M° L. Borrani frequentando i corsi di alto perfezionamento alla Scuola di Musica di Fiesole. Nel giugno 2014 consegue un Master Performance preso l’Hochschule der Künste Bern sotto la guida della Prf. Barbara Doll.  Ha seguito masterclass, fra gli altri, con A. Cappone, D. Berlinsky, F. Cusano, G. Carmignola, C. Gualco, B. Schmid. Ha partecipato alle attività dell’Accademia Gustav Mahler a Bolzano seguendo lezioni individuali e di musica da camera con musicisti quali R. Kussmaul, F. Eichhorn, C. Altemburger. Fin da giovanissima ha fatto parte di vari gruppi da camera, con i quali ha svolto un’intensa attività, oltre a partecipare a masterclass del Trio di Parma, del Trio Altenberg, del M° Bruno Canino, del M° Pier Narciso Masi. Risulta vincitrice di vari concorsi tra cui il primo premio assoluto del 19° Concorso Nazionale di Musica da Camera “G. Rospigliosi” di Lamporecchio con l’ensemble Tangram Chamber Project e con il Trio Vox. Ha fatto parte come trio d’archi della classe del quartetto di Cremona all’Accademia Stauffer. È inoltre la violinista del trio Vox (Augusto Gasbarri, voloncello, Irene Novi, pianoforte) che ha debittato al 40° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano in luglio 2015. In giugno 2008 è risultata idonea all’audizione dell’Accademia dell’Orchestra Mozart di Bologna, ricoprendo dal 2010 il ruolo di spalla (Mozartfest ad Augsburg, Teatro Morlacchi di Perugia, Teatro Alighieri di Ravenna, Società Filarmonica di Trento, Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena, Teatro Russolo di Portogruaro sotto la direzione di E. Bronzi, S. Krilov, A. Lonquich). In seguito ad una selezione tramite audizione, ha collaborato con varie orchestre, come l’Orchestra Verdi di Milano e l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano. Dal 2011 al 2014 ha collaborato inoltre con l’Orchestra Mozart di Bologna diretta dal Mo Claudio Abbado, partecipando a concerti in Italia e all’estero (a Lucerna nel KKL Luzern del Luzern Festival, a Parigi nella Salle Pleyell, a Salisburgo nella Haus für Mozart in occasione del Salzburger Festspiele, a Milano Teatro alla Scala, a Vienna Musikverein, ad Amsterdam Concertgebouw, a Bruxelles Palais des Beaux Artes, a Londra Royal Festival Hall, Queen Elizabeth Hall, con solisti di chiara fama come A. Allegrini, I. faust, R. Lupu, M. João Pires, D. Barenboim, diretta da C. Abbado, B. Haitink, D. Matheus. Nel 2014 risulta seconda idonea come violino di fila, con segnalazione per spalla dei secondi violini, all’audizione dell’Orchestra Regionale Toscana e idonea all’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. In settembre 2015 risulta idonea all’audizione dell’Orchestra Accademia Nazionale di Santa Cecilia. È violinista dell’orchestra Leonore di Pistoia e insegnante della classe di musica da camera per archi e pianoforte della scuola di musica di Fiesole.

Duccio Ceccanti nato in una famiglia di musicisti, inizia a cinque anni lo studio del violino diplomandosi giovanissimo con lode al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze con Andrea Tacchi. Successivamente ha continuato i suoi studi perfezionandosi con S. Accardo, F. Andriewski,  S.Gheorghiu  e B. Belkin. A sei anni partecipa alla prima esecuzione assoluta dei duetti per violino di Luciano Berio e a 13 anni esegue in prima  mondiale  le  Bachiane per violino solo di Sylvano Bussotti  iniziando così la sua carriera che lo vede protagonista, come solista e in formazioni cameristiche, in stagioni e festival internazionali fra cui: Biennale di Venezia, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro San Carlo, Accademia Filarmonica Romana, Settimana Musicale Senese, Amici della Musica di Palermo, Vicenza ed Ancona, Ravello Festival, GOG di Genova, I Concerti  del Quirinale, Festival Internazionale di Praga, Huddersfield Contemporary Music Festival, Carnegie Hall e Columbia University di New York, Auditorium Radio Svizzera di Lugano, Teatro dell’Opera del Cairo, Flaneries Musicales di Reims. Con il Trio Artes viene scelto dal Cidim per effettuare numerose tournèe in Sud America e in Europa.  Attualmente è il violinista del Quartetto Klimt  con cui ha intrapreso una brillante carriera concertistica e discografica. Nel 1992 fonda, con suo padre Mauro Ceccanti, il Contempoartensemble che diviene presto uno dei più importanti e apprezzati ensemble di musica del 900 e contemporanea, e di cui è direttore artistico. Esegue prime assolute alcune a lui dedicate lavorando a stretto contatto con i maggiori compositori tra cui Penderecki, Bussotti, Vacchi, Sotelo, Maxwell Davies, Pousseur, Vandor, Corghi, Petrassi, Berio, Clementi, Guarnieri, Mosca. Ha registrato la musica di Fabio Vacchi per la colonna sonora del film Il mestiere delle armi di Olmi, David di Donatello 2002; è stato inoltre protagonista di numerose dirette radiofoniche della RAI.  Ha suonato come solista con importanti orchestre italiane e in concerti da camera con musicisti come: Belkin, Meunier, Canino, Campanella, Prosseda, Ovadia, De Maria, Vengerov, Petrushansky, Nordio, Fabbriciani, Meloni, Arciuli ecc. Le sue incisioni per ARTS, BRILLIANT, NAXOS, STRADIVARIUS e per la rivista AMADEUS hanno riscosso successo di vendita e critica internazionale. Ha collaborato come prima parte con diverse orchestre italiane e fatto parte fin dalla sua fondazione dell’Orchestra da Camera Italiana di S. Accardo suonando nei più importanti teatri di tutto il mondo. Ha tenuto corsi di perfezionamento in Italia e in America alla Cincinnati University e dal 2000 al 2014 è stato Maestro Assistente ai corsi dell’Accademia Chigiana di Siena.  È docente di violino presso la Scuola di Musica di Fiesole e il Conservatorio di La Spezia.

Marco Martelli nasce a Livorno nel 1987 e nel 2005 si diploma in contrabbasso V.O. con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° P.A. Tommasi presso l’istituto mus. Par. P. Mascagni di Livorno. Successivamente si perfeziona col M° A. Bocini frequentando il corso speciale di contrabbasso presso la scuola di musica di Fiesole e il Master di interpretazione presso L’Haute Ecole de Musique di Ginevra e col M° F. Petracchi presso l’accademia Stauffer. Dal 2006 al 2008 è primo contrabbasso dell’Orchestra Giovanile Italiana. Collabora in varie produzioni con l’Orchestra Accademia Nazionale di Santa Cecilia dopo essere risultato V idoneo al concorso per contrabbasso di fila nel 2008. Dopo esser stato segnalato al concorso per primo contrabbasso presso l’Orchestra Haydn di Bolzano nel 2009 collabora con tale orchestra in varie produzioni. Nel 2010 risulta I idoneo ex-aequo all’audizione per contrabbasso di fila presso l’Orchestra  e Filarmonica del Teatro alla Scala con la quale collabora fino al 2012. Nel Novembre 2012 vince il concorso per contrabbasso di fila presso l’Orchestra Nazionale Sinfonica della Rai dove lavora fino all’Ottobre del 2013. Nell’Aprile 2013 risulta primo ed unico idoneo al concorso per primo contrabbasso presso l’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino – ora  Teatro dell’Opera di Firenze in cui dal Novembre 2013 ricopre tale ruolo. Ha lavorato così con i più grandi direttori d’orchestra come: Z.Mehta, R.Muti, C.Abbado, S.Ozawa, D. Gatti, J. Axelrod, S. Bychkov, R. Chailly, D. Harding, D. Barenboim, M.W. Chung. Nel settembre 2005 vince il concorso a premio per contrabbassisti studenti città di Vittorio Veneto e nell’Agosto 2010 risulta primo ex-aequo al Primo concorso internazionale di contrabbasso I. Caimmi – Bertinoro. Dall’anno scolastico 2009/2010 all’anno 2010/2011 insegna ai corsi basi presso la scuola di musica di Fiesole Ha partecipato a diversi concerti con il quartetto “The bass gang”. Dall’anno accademico 2015/2016 è assistente del M° Bocini per il corso di perfezionamento in contrabbasso presso la Scuola di Musica di Fiesole.

VILLA PACCHIANI

via Provinciale Francesca Sud, 20, Santa Croce sull’Arno (PI) 

info: Comune di Santa Croce sull’Arno info: tel 0571 389853

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>